1. Home
  2. /
  3. News
  4. /
  5. News
  6. /
  7. Prestigiosa onorificenza culturale per...

Prestigiosa onorificenza culturale per Livio Muci a Tirana

Prestigiosa onorificenza culturale per Livio Muci a Tirana

Martedì 12 luglio 2022, a Tirana, si è svolta la cerimonia che ha insignito l’editore salentino Livio Muci del prestigioso titolo di “Mjeshtër i Madh”.

blank

Livio Muci riceve l’alta onorificenza per meriti culturali dal presidente albanese Ilir Meta

L’alta onorificenza è concessa esclusivamente dalle mani del Presidente della Repubblica albanese per importanti meriti culturali.
Si è trattato dell’ultimo atto pubblico della presidenza di Ilir Meta prima della scadenza del suo mandato, il prossimo 24 luglio.

Il presidente Meta ha espresso personalmente le motivazione della consegna dell’onorificenza, “per il contributo alla diffusione della cultura e della letteratura albanese in Italia, tramite la più che trentennale pubblicazione dei libri realizzati da autori albanesi”.

blank

Motivazioni della prestigiosa onorificenza concessa dal presidente albanese Ilir Meta all’editore Livio Muci

La stessa casa editrice Besa porta un nome ripreso dal Kanun albanese, l’importante codice consuetudinario del costume balcanico e che è traducibile come una parola d’onore.

Così Livio Muci: “Ringrazio la Presidenza della Repubblica per la sensibilità verso un settore, quello dell’editoria, che è delicato e decisivo; tutti gli autori che hanno permesso di tracciare un percorso culturale ignoto fino a un certo punto in Italia. Ringrazio tutti gli Albanesi d’Albania e quelli che vivono in Italia, da sempre impegnati nel dialogo tra le culture”.

L’editore di Nardò (Lecce) è al suo secondo riconoscimento in Albania. Il primo è avvenuto nel 1995, all’indomani della costituzione della casa editrice, quando è stato insignito della cittadinanza albanese per meriti culturali.

blank

Medaglia per alti meriti culturali concessa dalla Repubblica d’Albania a chi si è distino nella divulgazione della cultura albanese

Numerosi e impossibili da citare qui i titoli e gli autori pubblicati da Besa Muci negli ultimi trent’anni. Citiamo qui il più recente “Flama” di Tom Kuka, pseudonimo del giornalista e autore Enkel Demi, vincitore del premio dell’Unione Europea per la Letteratura nel 2021.

O anche Diana Çuli, che è appena tornata in libreria con il suo Angeli Armati, o Virgil Muci, Fatos Kongoli, Ismail Kadare, Dritëro Agolli.

L’impegno di Besa nel portare in Italia le voci dai Balcani proseguirà ancora con coraggio e volontà di costruire ponti di dialogo e di pace.

Rassegna Stampa e web

blank

22.07.15 – Corriere del Mezzogiorno

blank

22.07.20 Nuovo Quotidiano di Puglia