Kombinat

32.00

Product ID: 6235Collana: 35Codice ISBN: 978-88-497-0814-1
Categoria: saggistica
Numero di pagine: 552

Descrizione

Oggetto della ricerca è il quartiere Kombinat, uno dei più grandi nella periferia di Tirana, nato fra la fine degli anni Quaranta e gli inizi degli anni Cinquanta in funzione della costruzione di un grande complesso industriale che accorpava più fabbriche, quasi tutte tessili, denominato Kombinat i Tekstileve Stalin (Kombinat dei tessili Stalin). Fu un’opera enorme, se si considera che l’Albania a quel tempo era prevalentemente agricola e pastorale, significativa dei programmi di industrializzazione avviati nel secondo dopoguerra.

All’inizio la manodopera impiegata nelle fabbriche era composta da giovani provenienti da varie parti dell’Albania, in particolare dalle zone rurali, e fra essi prevalenti erano le donne.

Nei quarant’anni del periodo socialista sono stati realizzati nuovi opifici e anche il quartiere si è ingrandito: sono arrivati nuovi abitanti, quasi tutti occupati nel diverse fabbriche, si sono costruiti nuovi palazzi, localizzati scuole, negozi e altri servizi.

I cambiamenti intervenuti negli anni Novanta in Albania hanno coinvolto anche quest’area urbana di Tirana modificandone profondamente la funzione di area operaia e, di conseguenza, la composizione demografica e sociale. Tutte le fabbriche sono chiuse; in alcuni capannoni sono state avviate modeste attività produttive o commerciali; altri immobili delle ex aziende sono divenute dimore per gli immigrati provenienti da altre parti dell’Albania, che hanno anche occupato una parte delle vecchie abitazioni e ne hanno edificato di nuove senza alcuna regolamentazione: ciò ha modificato radicalmente la composizione sociale e la struttura urbanistica, accentuandone rapidamente il degrado.

Recensioni

Dello stesso autore